Roma, l’Auditorium balla il rock. Torna Retape, la Woodstock della Capitale: due giorni di musica no-stop con venti artisti in scena

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’eccellenza del rock romano all’Auditorium parco della Musica, tra giovani talenti emergenti ma anche affermati artisti. Torna Retape, la seconda edizione del Festival ideato e organizzato dalla Fondazione Musica per Roma dedicato alla scena musicale della Capitale. Una due giorni, sabato e domenica prossimi, ispirita agli anni settanta che sarà anche un’occasione unica per fare il punto della scena attuale a Roma che è cresciuta negli ultimi anni sia per quantità delle proposte sia per qualità.

Originalità, impegno e passione sono le caratteristiche di questa woodstock che riporta Roma al centro della scena musicale italiana. Con questo festival la città eterna diventa ufficialmente la capitale per eccellenza della musica e la cavea dell’Auditorium una sede unica al mondo per numero di concerti ospitati nell’estate. Si tratta di una rarissima occasione per vedere sullo stesso palco cantanti che si sono affermati più recentemente sulla scena romana, ma anche band che hanno segnato la storia della musica capitolina. Saranno 20 gli artisti che si alterneranno nella due giorni incastonata all’interno del Roma Summer Fest.

Si va da Luca D’Aversa, Piotta e Filippo Gatti fino ai Vagabondi e all’Orchestraccia. La rassegna quest’anno si è sviluppata con una formula rinnovata, con Retape Lab, che ha visto protagonisti ospiti come Tommaso di Giulio e Mòn, e Retape Off, invece che ha rappresentato una vera e propria forma di scouting della Fondazione Musica per Roma nelle realtà dei club e delle strutture alternative della Capitale sostenendo anche i concerti di Chiara Padellaro e I dei degli Olimpo. Saranno inoltre allestiti stand e tanto altro, per un festival che si preannuncia come un appuntamento da non perdere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA