Roma, metropolitana mortale per un bimbo di 5 anni. Caduta fatale nella tromba dell’ascensore alla stazione Furio Camillo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tragedia in metro a Roma. Alla stazione di Furio Camillo, linea A, un bambino di 5 anni è morto cadendo nella tromba dell’ascensore della metropolitana. Quando sono giunti i soccorsi il bimbo era già deceduto. Avrebbe fatto un volo di almeno 10 metri; si ipotizza che all’apertura delle porte l’elevatore non fosse arrivato al piano ma il bambino non se ne sia reso conto. Il piccolo era con la madre quando è avvenuto l’incidente: la donna si è sentita male ed è stata soccorsa dai paramedici. “L’ascensore era bloccato”, commenta l’assessore ai Trasporti di Roma Capitale Guido Improta, “e si è tentato un trasbordo delle persone: è stato affiancato da un altro elevatore, si è cercato di farle passare attraverso una botola. Una procedura non codificata. Sicuramente c’è stato un errore dell’agente della stazione che ha iniziato una procedura che non doveva, forse perché c’erano condizioni di difficoltà e alla fine c’è stata la tragedia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA