Romanzo criminale nella Capitale. Mafia a Roma, nel mirino politici di destra e sinistra: 37 arresti. In carcere l’ex terrorista dei Nar, Massimo Carminati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono in totale 37 gli arresti nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Roma su un’organizzazione di stampo mafioso.  Sequestrati beni per un valore di 200 milioni di euro. Tra gli arrestati anche l’ex ad dell’Ente Eur, Riccardo Mancini e l’ex terrorista dei Nar, Massimo Carminati. Scoperto un presunto sistema mafioso per l’aggiudicazione degli appalti pubblici nella Capitale; sarebbero coinvolti funzionari e politici del comune di Roma e della regione Lazio.  Si tratterebbe di un sodalizio con le radici nella città eterna ormai da anni. Imprenditori tessevano relazioni con il mondo della politica per ottenere appalti dal Comune e dalle aziende municipalizzate.  I reati ipotizzati sono associazione di stampo mafioso, estorsione, usura, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazioni, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e altri reati ancora. Tra gli indagati c’è pure l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno che è stato perquisito nella sua abitazione. L’indagine è coordinata dal procuratore capo Giuseppe Pignatone, dall’aggiunto Michele Prestipino e dai sostituto Paolo Ielo e Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli. Ci sono anche manager di società municipalizzate tra le 37 persone arrestate oggi nell’ambito dell’inchiesta che ha portato a sgominare un sodalizio mafioso nella Capitale. A quanto si apprende si tratta di dirigenti dell’ente Eur e dell’Ama.

In manette anche Riccardo Brugia (in passato arrestato per rapina e vicino agli ambienti del Nar), Roberto LacopoMatteo CalvioFabio Gaudenzi (con precedenti per rapina), Raffaele BracciCristiano Guarnera, Giuseppe IettoAgostino Gaglianone, Salvatore BuzziFabrizio Franco TestaCarlo Pucci (ex dirigente Ente Eur), Franco Panzironi (ex amministratore delegato Ama), Sandro Coltellacci, Nadia CerritoGiovanni Fiscon, Claudio CaldarelliCarlo Maria GuaranyEmanuela BugittiAlessandra GarronePaolo Di NinnoPierina Chiaravalle, Giuseppe MoglianiGiovanni LacopoClaudio Turella (ex responsabile Servizio giardini del comune), Emilio Gammuto, Giovanni De CarloLuca Odevaine (ex vice capo di gabinetto dell’ex sindaco di Roma Veltroni e capo della polizia provinciale). Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per Patrizia CaracuzziEmanuela Salvatori, Sergio MenichelliFranco CancelliMarco PlacidiRaniero Lucci, Rossana CalistriMario Schina.