Ruby ter, nuovi guai per Berlusconi. L’ex premier rinviato a giudizio a Siena con l’accusa di corruzione in atti giudiziari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non c’è pace per Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia è stato rinviato a giudizio a Siena con l’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Il Gup del tribunale di Siena, Roberta Malavasi, ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura nell’ambito dell’inchiesta Ruby ter giunta a Siena da Milano per competenza territoriale. A Siena, infatti, si sarebbe compiuto il reato secondo cui l’ex premier avrebbe pagato Danilo Mariani, pianista delle feste di Arcore, per indurlo a falsa testimonianza sul caso “olgettine”. Il procedimento è fissato per il primo febbraio. Nell’udienza il Gup ha respinto le eccezioni preliminari presentate dalla difesa dell’ex premier, gli avvocati Franco Coppi, Federico Cecconi ed Enrico De Martino, sull’incompetenza territoriale e sull’inutilizzabilità di alcune intercettazioni telefoniche. A giudizio con l’accusa di falsa testimonianza anche Mariani.

Per l’accusa, i bonifici mensili da 3mila euro effettuati da Berlusconi al pianista di Arcore come “rimborsi spesa” sarebbero invece dei pagamenti per indurlo a falsa testimonianza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA