Dopo il via libera alla fiducia per la Manovra del Popolo oggi alla Camera il passaggio finale per l’approvazione della legge di bilancio

Camera
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Camera, in terza lettura, ha votato la fiducia al Governo, l’ultima del 2018, sulla Manovra economica. I sì sono stati 327, contrari 228 e un astenuto. “Sì, siamo soddisfatti”, ha commentato il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, lasciando l’Aula di Montecitorio al termine del voto sulla questione di fiducia. “Ci vediamo domani” (oggi per chi legge, ndr), si è limitato a dire ai cronisti il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche lui presente in Aula.

La Camera ha continuato a votare fino  notte fonda i 244 ordini del giorno presentati sul testo della legge di bilancio. La seduta si è riaperta questa mattina per concludere le votazioni sugli ordini del giorno e per il voto finale sulla Manovra che diventerà così legge dello Stato.

Proteste in Aula e manifestazioni di piazza hanno accompagnato, sabato, la terza ed ultima fiducia posta dal Governo Conte sulla Manovra. Lo scontro tra maggioranza e opposizioni si è spostato anche al di fuori dei palazzi, con il Pd che è sceso in piazza davanti Montecitorio sulle note di “Bella ciao”, mentre Forza Italia, ha annunciato Silvio Berlusconi, mobiliterà i gilet azzurri che da gennaio manifesteranno in tutte le piazze italiane.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA