Ryanair non decolla. Sciopero nei cieli italiani ed europei 25 e 26 luglio. Piloti e assistenti di volo vanno allo scontro con la compagnia low cost

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ryanair sciopererà anche in Italia. Piloti e assistenti di volo incroceranno le braccia il prossimo 25 luglio per l’intera giornata come annunciato dai sindacati di categoria Filt-Cgil e Uiltrasporti. L’agitazione hanno spiegato che “si inserisce in un quadro internazionale di scioperi del personale navigante Ryanair, proclamati dalla maggioranza dei sindacati europei del trasporto aereo, contro l’approccio della compagnia irlandese verso i propri lavoratori”.

Sarà una giornata infernale per i voli low cost quella del prossimo 25 luglio quando si fermeranno anche i lavoratori di Spagna, Portogallo e Belgio. In questi tre Paesi lo sciopero proseguirà anche per la giornata del 26 luglio. Lo sciopero potrebbe saltare qualora Ryanair decidesse di fare qualche concessione ai lavoratori. Al momento però sembra non sia stato fatto alcun progresso anche se le trattative tra la compagnia e i sindacati continuano nel confronto.

Già il 12 luglio è previsto uno sciopero di 24 ore convocato da un gruppo di un centinaio di piloti irlandesi. Le stime parlano di 400 voli che potrebbero saltare soltanto tra quelli in partenza dall’Italia.