Salta il confronto con Conte. Ma Renzi torna all’attacco: “Stiamo facendo una battaglia per le idee, non per le poltrone. Ministre pronte a rimettere il mandato, se serve”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ salato, ufficialmente per gli impegni della ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova a Bruxelles, l’incontro tra il premier Giuseppe Conte e il leader di Italia Viva Matteo Renzi. “Il Presidente del Consiglio – scrive l’ex premier nella sua e-News – ha convocato i partiti di maggioranza. Il blitz notturno che avrebbe fatto approvare un documento non condiviso da nessuno e una task force in grado di sostituirsi al Governo e al Parlamento è stato ufficialmente bloccato. Lo avevo chiesto in Parlamento e oggi sono felice che tutti diano ragione a Italia Viva”.

“Sui temi del ‘salto di qualità’ del Governo – aggiunge ancora Renzi – diremo la nostra al Premier con un documento scritto appena ci sarà occasione di incontrarci (non oggi perché la Ministra Bellanova, nostra capodelegazione, è a Bruxelles per difendere i prodotti agroalimentari italiani). Appena consegnato al Premier, manderemo il documento anche a tutti gli amici del popolo delle Enews”.

“Stiamo facendo una battaglia per le idee – avverte il leader di Iv -, non per le poltrone: all’incontro verranno anche le ministre, che sono pronte a rimettere il mandato, se serve. Perché chi dice che noi facciamo confusione per avere mezza poltrona in più deve prendere atto che noi siamo l’unico partito che è pronto a rinunciare alle poltrone, non a chiederle”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA