Salvini all’angolo getta fango sui Cinque Stelle. Il leader della Lega prova a scatenare il mondo dei social contro il M5S: “Partito delle poltrone e amico di Renzi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo aver sbagliato tutto aprendo la crisi dalla spiaggia del Papeete ed essersi alla fine accorto di sprofondare all’opposizione nonostante rappresenti il partito che attualmente gode del maggior numero di consensi tra gli elettori, Matteo Salvini ha tentato anche l’impossibile per formare un nuovo Governo giallo-verde. Ha iniziato a postare le sue foto dietro la scrivania del Viminale, che nei mesi scorsi ha frequentato assai poco, ha glissato su qualsiasi argomento spinoso per la Lega, cercato sponde tra i Cinque Stelle, soprattutto in Gianluigi Paragone, e proposto persino a Luigi Di Maio la poltrona di premier. Quando, ieri sera, si è reso conto che ormai l’Esecutivo giallorosso sarebbe più che un’ipotesi, il Capitano sconfitto ha quindi giocato l’ultima carta, con una conferenza stampa convocata in tutta fretta al Senato e infarcita dei soliti slogan, ma tesa all’apparenza a raggiungere un obiettivo: scatenare il popolo dei social contro il Movimento 5 Stelle, facendo apparire i pentastellati come il nuovo partito delle poltrone e quelli che ignorano la volontà popolare. Una mossa disperata a cui il capo della Lega non è riuscito a resistere. Del resto non sa come uscirà da possibili anni all’opposizione e gli ultimi sondaggi che lo danno in calo dopo aver aperto la crisi devono essere stati per lui un pugno allo stomaco. “Un’alleanza tra perdenti non è vincente”, ha detto ignorando di nuovo che lui ha governato con il 17% dei consensi, inferiori a quelli del Pd. “Rifarei tutto”, ha giurato. Ma credergli è difficile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA