Salvini continua a spacciare fake news sul Covid. E pure senza mascherina. “Avrei chiuso i porti prima delle discoteche”. Ma numeri ed esperti dicono il contrario

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Solito copione per Matteo Salvini. Il leader della Lega, tra un selfie e l’altro, senza mascherina e non curante di numeri e smentite (qui quella dell’Iss), continua a spacciare fake news sul Covid.  “Avrei chiuso i porti prima delle discoteche. Solo oggi a Lampedusa 54 positivi nel centro per immigrati” ha detto il Capitano incontrando i giornalisti a Crotone. Salvini ha poi espresso il “massimo sostegno al governatore siciliano che ha firmato un’ordinanza per chiudere tutti i centri di accoglienza in Sicilia” e chiesto “agli amministratori, ai sindaci, ai governatori della Lega e sostenuti dalla Lega di fare esattamente la stessa cosa”.

“Prima delle discoteche – ha ribadito il leader del Carroccio – forse sarebbe meglio chiudere i porti della Calabria per evitare i troppi sbarchi con persone affette da coronavirus. Sono d’accordo con la posizione del governatore della Sicilia e forse, considerato che abbiamo il mare più bello del mondo, gli italiani se fossero rimasti a casa avrebbero fatto meglio anziché scegliere di andare in Spagna o a Malta”.

“Spero che anche in Calabria – ha detto ancora Salvini – i sindaci dicano basta a quella che è un organizzazione che porta problemi economici e sanitari. Il problema non sono i turisti che prendono l’aperitivo ma chi arriva con i barconi. Vogliamo aiutare questa terra a ritrovare orgoglio, sicurezza e lavoro. L’unica immigrazione a cui vogliamo lavorare è quella dei calabresi che sono stati costretti a scappare in altre città e paesi d’Europa e del mondo. Qui c’è una potenzialità incredibile legata al turismo, al mare, all’agricoltura, ma occorrono strade all’altezza, porti, aeroporti, ferrovie. Oggi ho percorso la statale 106 e credo sia una strada indegna per l’Italia nel 2020”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA