Salvini non sale al Colle. Lega da Mattarella: fermi il piccolo dittatore Renzi. Intanto nel partito è caos totale per il caso Tosi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non c’era Matteo Salvini nell’incontro della Lega Nord col presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La delegazione leghista era composta dai presidenti dei gruppi parlamentari del Carroccio di Senato e Camera, Gian Marco Centinaio e Massimiliano Fedriga, accompagnati da Giancarlo Giorgetti. Va all’attacco del presidente del Consiglio il Carroccio: “Abbiamo chiesto al presidente Mattarella di farsi promotore presso la presidenza del Consiglio di avere maggiore rispetto dei parlamentari. Faccia capire al piccolo dittatore Renzi che siamo in una democrazia e deve rispettare il Parlamento. Il che significa anche limitare il governo sull’uso della decretazione”. E, intanto, nel partito regna il caos con il caso Tosi a tenere banco per quanto riguarda le elezioni regionali in Veneto. Salvini ieri ha avvertito: “Chi mette in discussione il governatore Zaia è fuori dal partito”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA