Salvini non vuole i vaccini ai detenuti in Lazio e in Campania ma in Lombardia hanno iniziato da marzo

salvini detenuti 1
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Salvini non vuole i vaccini ai detenuti in Lazio e Campania. Ma non sa che in Lombardia e in Veneto hanno cominciato a farli da marzo. Ieri il segretario della Lega è andato all’attacco dei governatori Nicola Zingaretti e Vincenzo De Luca perché hanno deciso di vaccinare con Johnson & Johnson i carcerati e non gli anziani, secondo lui.

Salvini non vuole i vaccini ai detenuti in Lazio e in Campania ma in Lombardia hanno iniziato da marzo

Il garante dei detenuti gli ha risposto su Twitter: “A Salvini non far sapere che in Lombardia e Veneto le vaccinazioni Covid-19 sono iniziate a marzo”, ha scritto Stefano Anastasìa su Twitter. Il leader della Lega, intervistato dal Giornale, si è detto invece soddisfatto e fiducioso dopo la richiesta del pm di non luogo a procedere per il caso Gregoretti. Con il premier Draghi, dice, “stiamo imparando a conoscerci, il rapporto è diretto e leale, di fiducia e collaborazione. Parlano i fatti. Il governo è partito da poco, ma vedo il bicchiere mezzo pieno: certo, non basta. Mi aspetto per aprile un nuovo decreto, scritto ad hoc per le imprese, che non potrà essere inferiore ai 50 miliardi”.


La questione riaperture: “Le chiusure da sole non bastano, ormai e’ evidente; dobbiamo moltiplicare gli sforzi per i vaccini, cominciando a produrli anche in Italia, e prepararci ad usare anche altri farmaci se funzionano, come lo Sputnik. Parlo di riaperture nelle citta’ in cui la situazione sanitaria sia sotto controllo e in miglioramento da giorni. Ne ho parlato personalmente col presidente del Consiglio”. E “Draghi condivide la necessità di tornare il prima possibile ad una vita, ad una scuola, ad un lavoro normali”, aggiunge Salvini.

Salvini e l’intervista al Giornale

Il leader della Lega osserva che non si può più gestire la sanità con un approccio ideologico, valuta positivamente il lavoro del commissario all’emergenza Figliuolo e aggiunge che si stanno pagando ‘i ritardi dell’Unione europea e i troppi errori delle case farmaceutiche’. Poi si dice contento che il governo voglia cercare direttamente tutti i vaccini disponibili. E che, aggiunge, ‘grazie al ministro della Lega Giorgetti ci sia l’intenzione di produrre farmaci anti-Covid direttamente in Italia’. Infine, sulla legge elettorale maggioritaria e un’eventuale ipotesi di accordo con il leader dem Enrico Letta, Salvini fa presente che “il proporzionale ci riporterebbe ai riti della prima Repubblica. Letta condivide: la sera delle elezioni gli italiani hanno il diritto di sapere chi li governerà per i successivi 5 anni. Con Letta abbiamo anche condiviso l’idea che vanno disincentivati i cambi di partito e casacca”.

Leggi: Il video della lettera di Luciana Littizzetto a Che Tempo che fa sul catcalling : “Caro cretino che mi gridi ‘ciao zocc… al parco”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA