Salvini sorvola con Orbán il muro anti-migranti ai confini con la Serbia: “In Italia, in Ungheria e in Europa si entra solo con il permesso”. Di Maio: “Allearsi con lui non ha senso”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“In Italia, in Ungheria e in Europa si entra solo con il permesso!”. E’ quanto ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, nel corso della sua visita in Ungheria, ospite del premier Viktor Orbán. Il leader della Lega, al suo arrivo a Roeszke, ha sorvolato in elicottero il muro anti-migranti costruito al confine tra Ungheria e Serbia.

“Vogliamo un Europa diversa – ha detto ai giornalisti il vicepremier – che difenda la sicurezza, rilanci il lavoro, la famiglia e l’identità cristiana del nostro continente. In Italia, in Ungheria e in Europa si entra solo con il permesso. Felice di incontrare di nuovo il premier Viktor Orbán e vedere con i miei occhi con quanta efficacia il suo governo contrasti l’immigrazione clandestina”.

“Le posizioni del governo italiano e di quello ungherese – ha aggiunto il leader della Lega – sono identiche sull’immigrazione. Contiamo che la nuova Europa proteggerà le sue frontiere esterne, o via terra o via mare. Il problema non è la redistribuzione dei migranti già presenti, ma evitare che ne arrivino altri”.

“C’è una battaglia comune nella nuova Europa – ha detto ancora Salvini – per rivedere tutti gli accordi commerciali e finanziari con i paesi extraeuropei che non agevolano il rimpatrio dei loro connazionali, e per creare luoghi di transito e identificazione fuori dai confini europei. Se più paesi europei oltre all’Italia e all’Ungheria avessero un approccio così serio, avremmo molti meno reati”.

“Non ha senso – ha commentato il leader del M5S Luigi Di Maio – che vieni qui in Italia, come fa la Lega, a dire ‘combattiamo l’austerity’ e poi ti allei con forze come quella di Orbán, che quando facevamo la guerra all’austerità chiamavano Juncker per chiedergli più austerity per l’Italia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La bugia della destra e della sinistra

Piccola bussola per chi ha perso l’orientamento tra destra e sinistra, e ieri si è smarrito ancora di più vedendo Salvini difendere Renzi dalle polemiche sull’incontro carbonaro con lo 007 Mancini nella piazzola di un autogrill. A guardarli con gli occhiali del passato, destra e

Continua »
TV E MEDIA