Salvini vuole sfiduciare la Azzolina. M5S: “Dal segretario della Lega solo fake news, vuota propaganda e insulti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Salvini tira fuori l’ennesima mossa propagandistica e annuncia di voler sfiduciare la ministra Azzolina. La ministra dell’Istruzione, commenta il Movimento Cinque Stelle, “che ha portato 7 miliardi alla scuola italiana in sette mesi, dimenticando che il suo partito e le altre forze di centrodestra quando erano al governo di miliardi ne hanno tagliati 8,5 in un colpo solo”. “Una sfiducia – aggiungono i 5S – basata su fake news, vuota propaganda e insulti: l’unico contributo che in questi mesi difficili il segretario della Lega è riuscito a dare alla scuola e all’Italia”.

“La riapertura delle scuole – scrive ancora il Movimento in un post su Facebook – è una grande operazione che sta mettendo a dura prova tutti i Paesi, nessuno escluso. In Italia riguarda direttamente 10 milioni di persone, più tutte le famiglie coinvolte. C’è l’aspetto scolastico, quello sanitario, quello dei trasporti. E l’Italia ha fatto più di tanti altri: nessuno in Europa ha previsto un così vasto piano di assunzioni di organico per l’emergenza, fatto lavori di edilizia scolastica, individuato spazi alternativi, investito nei banchi monoposto”.

“Nessun altro Paese – concludono i pentastellati – distribuirà mascherine gratis alle scuole. A mancare semmai è stata la collaborazione da parte di chi ha scelto consapevolmente di speculare sulla riapertura per lucrare consenso e individuato la scuola come terreno di conquista per la campagna elettorale. Non ci faremo distrarre da questa ennesima messinscena. Piena fiducia alla ministra Lucia Azzolina, che in questi mesi ha dimostrato di conoscere e amare profondamente la scuola”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA