San Marino vaccina i turisti con Sputnik: 50 euro (ma non gli italiani)

san marino vaccino sputnik 50 euro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

San Marino parte con il turismo dei vaccini. Il governo ha approvato un apposito regolamento per il  “turismo vaccinale”. Il piano prevede 50 euro per la doppia dose, a partire dal 17 maggio con prenotazione alberghiera 7 giorni prima del soggiorno sul Titano. Che dovrà essere di almeno tre notti per due volte in 21 giorni. Il turismo vaccinale è aperto a tutti, tranne che agli italiani perché con Roma ancora non c’è un accordo specifico. Il pacchetto, vaccino più hotel, prevede l’iniezione del vaccino russo Sputnik, non riconosciuto dall’Ema.

San Marino vaccina i turisti con Sputnik: 50 euro (ma non gli italiani)

L’uso del vaccino russo Sputnik V a San Marino ha dimostrato che la sua efficacia è prossima al 100 per cento, superando i risultati degli studi scientifici pubblicati. Lo ha affermato il segretario di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale, Roberto Ciavatta, in una conferenza stampa. Ciavatta ha ricordato che la maggior parte delle vaccinazioni nel Paese sono state effettuate utilizzando lo Sputnik V, il cui utilizzo è stato oggetto di due studi condotti dalle autorità sammarinesi in collaborazione con l’Università di Bologna e l’Istituto Nazionale Spallanzani di Roma. Il segretario di Stato ha chiarito che il secondo studio è relativo alla valutazione quantitativa e qualitativa degli anticorpi nell’organismo dopo la vaccinazione.

“Al momento non abbiamo ancora dati certi, la ricerca è ancora in corso. I dati che abbiamo ricevuto indicano l’efficacia del vaccino Sputnik V, che era superiore ai dati di ricerca pubblicati sulla rivista Lancet e pubblicazioni in altre risorse. Quindi vediamo Sputnik vicino al 100 per cento di efficacia tre settimane dopo la seconda dose del vaccino”, ha dichiarato Ciavatta.