Sanità campana allo sbando. Nel feudo di De Luca formiche pure su una salma. Il caso all’ospedale di Scafati. Presentata una denuncia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non è una novità che la sanità italiana sia ridotta male. Quanto negli ultimi mesi sta accadendo, come sempre soprattutto al Sud, è però totalmente inaccettabile. In un ospedale in provincia di Salerno le formiche hanno ricoperto persino una salma. Un caso diventato anche oggetto di scontro politico, con il Movimento 5 Stelle che si è subito scagliato contro il presidente della Regione, il dem Vincenzo De Luca.

Una 61enne di Angri è deceduta all’ospedale di Scafati, in provincia di Salerno, e il corpo della donna è stato adagiato su una barella. Quando i familiari si sono avvicinati alla salma si sono però resi conto che era ricoperta dalle formiche. Una situazione inaccettabile che è subito apparsa come un oltraggio alla defunta. I familiari della 61enne hanno quindi presentato una denuncia e la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore ha aperto un’inchiesta.

L’Asl di Salerno ha cercato di giustificarsi dicendo che erano già stati compiuti degli interventi di disinfestazione, ma lo stesso sindaco Cristoforo Salvati ha utilizzato parole dure per l’accaduto, specificando che si tratta di fatti da terzo mondo. Immediata inoltre la polemica politica. La senatrice pentastellata Luisa Angrisani ha chiesto l’intervento del ministro della salute Giulia Grillo e ha sostenuto che la triste vicenda “dimostra le inefficienze in cui versa la sanità campana”. I consiglieri regionali del M5S inoltre hanno puntato il dito direttamente contro il governatore De Luca, affermando che il diritto alla salute non è più garantito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA