Scacco ai tifosi dell’odio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Giro di vite contro la violenza negli stadi. Il decreto legge presentato dal ministero dell’Interno, Angelino Alfano, prevede l’inasprimento di alcune misure già esistenti. A partire dal Daspo. La durata minima del divieto di accedere alle manifestazioni sportive per i recidivi è innalzata a 5 anni, quella massima a 8 anni. Chi viola le regole di utilizzo degli stadi potrà essere punito con il Daspo da 1 a 3 anni (oggi è da tre mesi a un anno). Verrà punita anche la condotta violenta di gruppo anche se commessa all’estero e per i leader delle frange violente la durata minima del divieto sarà di 3 anni.

Ma la novità più importante è quello che riguarda l’inneggiamento all’odio razziale, per il quale sarà possibile applicare l’arresto differito. Per i daspati recidivi, infine, potranno applicarsi forme di controllo quali la sorveglia speciale di pubblica sicurezza. I violenti abituali, in forza di questa misura, dunque saranno di fatto equiparati agli indiziati di appartenenza a organizzazioni di tipo mafioso o terroristico. Per quanto riguarda le trasferte, il ministro con un proprio provvedimento, potrà vietarle fino a un massimo di due anni per le tifoserie più violente. Giro di vite anche sulle frodi sportive. Il decreto prevede l’innalzamento a 6 anni della reclusione, che possono arrivare sino a 9 nei casi in cui la combine alteri i risultati. Per gli stessi illeciti verrano aumentate anche le pene pecuniare. Potranno, a tal fine, essere utilizzate anche le intercettazioni telefoniche.