Scandalo mascherine fantasma alla Regione Lazio, indagati i vertici della società che doveva garantire la maxi commessa

dalla Redazione
Cronaca

Sullo scandalo delle mascherine fantasma nel Lazio, sono indagati i vertici della Ecotech srl. A questi il procuratore aggiunto di Roma, Paolo Ielo, contesta l’inadempimento di contratti di pubbliche forniture in relazione. La vicenda, per la quale i finanzieri hanno acquisito atti negli uffici della Regione Lazio, riguarda una maxi commessa da 9,5 milioni di mascherine che la Regione, fra il 16 e il 20 marzo, ha chiesto di reperire a una società di Frascati, con capitale sociale di 10 mila euro, affidandole tre commesse per la complessiva cifra di 35,8 milioni di euro. Peccato che di queste mascherine ne sono arrivate 2 milioni, tutte chirurgiche, mentre le altre 7,5 milioni, fra Ffp2 e Ffp3, attese da settimane, non sarebbero mai nemmeno partite.