Scelta Civica sale sul carro di Renzi. E ora il premier si prende gioco del Cav: abbiamo i numero anche senza FI

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiusa per ora la campagna acquisti, con otto parlamentari che abbandonano Scelta Civica per entrare nel Partito democratico, Matteo Renzi ora minaccia Silvio Berlusconi: “Ora abbiamo i numeri per le Riforme anche senza Forza Italia”. E gli otto fuoriusciti da Scelta Civica in una nota congiunta hanno scritto: “Accogliamo l’invito di Renzi a un percorso e a un approdo comuni. Per questo aderiamo ai Gruppi del Pd di Senato e Camera, alcuni di noi anche al partito”. Si tratta di Gianluca Susta, Alessandro Maran, Pietro Ichino, Ilaria Borletti Buitoni, Ilaria Tinagli e Carlo Calenda. E anche il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e Linda Lanzillotta.

Nuovi innesti che fanno tirare il fiato a Renzi: “Se Forza Italia, che ha sempre difeso il patto sulle riforme, adesso vuole rimangiarselo, buon appetito. Ho sempre detto che voglio fare accordi con tutti e che non ci facciamo ricattare da nessuno. Perché i numeri ci sono anche senza di loro. Spero che dentro FI prevalgano buon senso e ragionevolezza”.