Sciopero senza preavviso a Linate e Malpensa. Per centinaia di passeggeri vacanze già rovinate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora disagi e ancora per uno sciopero e questa volta nemmeno annunciato. Parliamo degli aeroporti di Linate e Malpensa. E ora il malumore corre sui social, dove i passaggeri di Linate e Malpensa twittano dei disagi registrati stamattina, quando in aeroporto è partita la “protesta spontanea” che ha rallentato le operazioni di imbarco, sembra a causa dell’agitazione degli addetti ai bagagli. Una agitazione che non era stata annunciata e che sarebbe cominciata stamattina presto, intorno alle 6. La protesta arriva il primo agosto, giorno peraltro caldo per le partenze dei vacanzieri, probabilmente scelto non a caso.

“Causa agitazione sindacale spontanea del personale di terra si stanno verificando disservizi e ritardi su Malpensa – è stato il messaggio pubblicato dallo staff dello scalo solo alle 8.35 – seguiranno aggiornamenti”. Alle 9, la situazione su Linate – secondo l’account ufficiale di Aeroporti – stava lentamente rientrando.

Anche stavolta i lavoratori e i sindacati si oppongono all’ingresso di una cooperativa nei servizi cosiddetti “di rampa”, l’unico dove le cooperative non sono ancora entrate. Venerdì scorso ci sono state alcune assemblee spontanee, dopo il fallimento dell’ipotesi di accordo con Enac. E altre sono in programma per oggi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA