Scontri ultras, arriva la decisione del ministro Piantedosi: niente trasferte ai tifosi di Napoli e Roma

Scontri ultras, il ministro dell'Interno Piantedosi è intervenuto con un provvedimento ad hoc in risposta agli ultimi eventi violenti.

Scontri ultras, è intervenuto sulla questione il governo nella persona del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. L’annuncio del provvedimento c’è stato questo pomeriggi ma altre decisioni sono attese nei prossimi giorni.

Scontri ultras, arriva la decisione del ministro Piantedosi: niente trasferte ai tifosi di Napoli e Roma

Scontri ultras, arriva la decisione del ministro Piantedosi

Il governo è intervenuto dopo i fatti di violenza che hanno coinvolto la settimana scorsa gli ultras di Roma e Napoli. Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi ha annunciato la sua decisione dopo la vergognosa vicenda che si è consumata sull’autostrada A1 lo scorso 8 gennaio.

Niente trasferte ai tifosi di Napoli e Roma

“Annuncio qui che oggi pomeriggio probabilmente firmerò un provvedimento di prevenzione in relazione alle trasferte dei tifosi di Roma e Napoli per i prossimi due mesi, sono state le parole del ministro Piantedosi nella conferenza stampa successiva al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. In sostanza, saranno due i mesi di stop in trasferta per le due tifoserie.

Non solo, perché il ministro ha fatto sapere che si sta lavorando per individuare singolarmente i responsabili per punirli individualmente poi con il Daspo. “Serve anche l’individuazione del singolo e provvedimenti come i Daspo, ma non potrò fare a meno di considerare un provvedimento generale di ordine pubblico per quanto riguarda le due tifoserie”.

Tuttavia, il governo deve tenere l’allerta alta perché non basta vietare trasferte o gli ingressi agli stadi, serve collaborare a stretto contatto con la Digos e le forze dell’ordine per contrastare le violenze in strada come è successo la scorsa settimana. Il 29 è in programma Napoli-Roma, dunque qualche provvedimento dovrà esserci in vista di quel match.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram