E’ scontro tra Lega e M5S sul Tav. Di Maio ribadisce la linea del Movimento: “Il discorso è chiuso, non si farà”. La replica di Salvini: “Troveremo un accordo, taglieremo i costi ma finiremo l’opera”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Più che scontro aperto, sulla Tav il discorso è chiuso: possiamo semplicemente dire che finché il M5s sarà al governo quel cantiere non inizierà a scavare un buco, perché non è stato scavato neanche un centimetro”. E’ quanto ha ribadito il vicepremier Luigi Di Maio a chi gli chiedeva, a margine di un’iniziativa elettorale a Pescara, dei rapporti con Matteo Salvini sul tema del Tav.

La replica di Salvini è arrivata poco dopo, nel corso di un intervento tenuto non molto lontano da Pescara, a Teramo. “L’abbiamo sempre trovata in questi mesi la troveremo anche su questo”, ha assicurato il vicepremier della Lega parlando della quadra sulla linea Torino-Lione. “Ci sono ingegneri, operai, imprenditori, pendolari, italiani che non vedono l’ora che i lavori ripartano. Faremo tutto il possibile perché sia così- ha aggiunto il leader della Lega -, ridimensionando il progetto, tagliando megastrutture, tagliando sprechi per investirli in altro, però dal mio punto di vista lasciare a metà un’opera non ha mai senso”.

Sul punto è intervenuto, nel corso di una diretta Facebook, anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. “Il M5S non vuole bloccare alcun cantiere. La prima grande opera – ha detto Toninelli – deve essere la manutenzione dell’esistente. Non ho bloccato alcun cantiere: l’unico sottoposto a una doverosa analisi e controllo, perché vale 5 miliardi di euro di contributi pubblici pagati dalle nostre tasse, è il Tav Torino-Lione. Tra poche settimane, pochi giorni, avrete l’analisi costi-benefici che ci fa capire se quei 5 miliardi sono spesi bene e sono utili o magari è più utile spenderli in altra maniera”.

“Se la Lega intende fare la Tav, c’è Berlusconi: andassero da Berlusconi e nemici come prima”, ha detto invece Alessandro Di Battista, esponente del M5s, dal palco del comizio di Pescara dopo l’intervento di Di Maio. “Non siamo contro le infrastrutture – ha detto ancora Di Battista – ma serve investire su altro. Dire che noi siamo contro le infrastrutture è una bugia, semplicemente noi crediamo che bisogna investire in altre opere e non nella Tav”.

“Sulla Tav – ha dichiarato in serata il premier Giuseppe Conte – ho preso un impegno a nome del Governo: di procedere alla decisione finale non sulla base di sensibilità personali o di una singola forza politica. Il contratto di governo prevede una “revisione” del progetto. Abbiamo interpretato questa clausola quale necessità di procedere all’analisi costi-benefici e di riservarci la decisione all’esito di questa valutazione finale che contemplerà tutte le implicazioni tecniche, economiche, sociali. Il Governo saprà assumersi la responsabilità politica di questa decisione nel rispetto e nell’interesse di tutti i cittadini. Renderemo trasparenti – ha concluso il presidente del Consiglio – i risultati in modo che tutti gli italiani possano conoscere le motivazioni della nostra decisione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA