Scuola, Azzolina: “La ripartenza è un segno di rinascita per il Paese. Siamo gli unici che forniranno 11 milioni di mascherine al giorno a personale e studenti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La ripartenza della scuola è un segno di rinascita per il Paese”. E’ quanto ha detto ad Agorà la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. “Essere accusati di ritardi è ingiusto – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo -, in due mesi consegneremo 2,4 milioni di banchi, Arcuri sta lavorando e tanti banchi sono già arrivati, via via arriveranno altri e a settembre la scuola primaria sarà quasi tutta coperta”.

“Noi abbiamo lavorato per trovare nuovi spazi e garantire il distanziamento di un metro – ha detto ancora la Azzolina – , non è scontato, basta vedere le immagini delle scuole francesi e tedesche per vedere che le mascherine ci sono. In Italia se c’è il metro la mascherina può non essere utilizzata, si deve utilizzare nei momenti di dinamicità, quando si è in movimento. Noi siamo l’unico Stato che fornirà 11 milioni di mascherine al giorno al personale scolastico e agli studenti”.

“Matteo Salvini? Sono diventato il suo pane quotidiano – ha detto ancora la ministra dell’Istruzione -, vorrei chiedergli se lui si è impegnato a collaborare un po’ sulla ripartenza delle scuole o se ha usato il tema come una clave elettorale, terrorizzando famiglie e studenti. Ma ce l’ha una coscienza o ha solo gettato nel panico studenti e studentesse? Negli altri Paesi le opposizioni hanno collaborato con il Governo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA