Scuola, Brusaferro: “Non c’è rischio zero. Ma il sistema sanitario e scolastico è preparato ad affrontare i singoli casi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Le scuole sono una priorità per il Paese, è importante aprirle e fare in modo che rimangano aperte. Sappiamo che non ci sono soluzione organizzative per il rischio zero. Ci possono essere casi singoli o anche singole scuole chiuse per un periodo, ma questo non vuol dire interrompere del tutto l’attività scolastica”. E’ quanto ha detto al Tg1 il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, a proposito del prossimo avvio dell’anno scolastico. “Questo – ha aggiunto il numero uno dell’Iss – significa convivere con il virus. Il nostro Paese sia nel campo della sanità sia nel campo dell’istruzione è preparato, le misure sono mirate a fare in modo che la scuola possa riprendere, affrontando i singoli casi che si presenteranno”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA