Scuola, fumata nera nell’incontro tra il ministro Giannini e i sindacati. Possibili aperture solo sulla valutazione dei docenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Allo stato dei fatti trovare un’intesa sulla riforma della scuola tra Governo e sindacati è una pura utopia. Nemmeno l’incontro di oggi è servito a superare lo stallo. Flc-Cgil, Cisl, Uil, Gilda e Snals hanno spiegato che non c’è stata alcuna apertura sul precariato e sui presidi. Mentre resta aperto lo spiraglio sulla valutazione dei docenti. Detto questo le sigle sindacali hanno confermato tutte le iniziative di protesta annunciate nei giorni scorsi. Insomma, è stato più che altro un incontro di pura cortesia. Le posizioni restano esattamente le medesime. La riforma, intanto, dopo il via libera della Camera arriva domani nell’Aula di Palazzo Madama. Dove qualche piccolo aggiustamento alla fine potrebbe pure essere concesso alla minoranza del Pd.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA