Scuola, Rai, Ambiente e Fisco. Renzi prova a frenare le correnti Dem. E si appella all’unità: fioriscano le idee

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scuola, Rai, Ambiente e Fisco. Su questi grandi quattro temi si agita il dibattito in casa Partito democratico. E il premier, Matteo Renzi, vuole provare a chiudere il cerchio e stoppare l’ostruzionismo quantomeno nel suo partito. “Col massimo rispetto per il doveroso dibattito interno al Pd tra aree culturali, sensibilità diverse e gruppi organizzati, vorrei che il nostro confronto fosse sui contenuti più che sulle etichette. Che fiorissero idee più che correnti”. Questo l’appello di Renzi attraverso una lettera inviata a deputati e senatori democratici nella quale propone un confronto con sempre maggiore coinvolgimento anche nelle fasi preparatorie dei passaggi parlamentari. Proprio per questo motivo è stato organizzato per venerdì pomeriggio al Nazareno una riunione. “So che il venerdì non è il giorno migliore ma visto il duro calendario dei lavori parlamentari”, scrive Renzi, “ma non vedo alternative. Vi chiedo di partecipare ai singoli gruppi che vi interessano e/o di mandare contributi scritti (brevi e scritti in un linguaggio semplice: astenetevi dal burocratese, per favore!) sui singoli temi che più vi interessano o riguardano”. Poi il richiamo alle responsabilità e all’unità su tutti i fronti. “Mentre altri si dividono, altri fanno ostruzionismo, altri scendono in piazza con piattaforme ispirate alla destra xenofoba e populista europea”, afferma il segretario del Pd, “noi siamo quelli che devono riportare l’Italia a crescere. E’ una grande responsabilità”. Chissà cosa ne pensano Bersani e compagnia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA