Scuole, Azzolina: “Continuerò a battermi per tenerle aperte. Senza formazione non abbiamo futuro. In arrivo 13 milioni di test rapidi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Continuerò a battermi per tenere aperte le scuole. Credo che, compatibilmente con la situazione epidemiologica, dobbiamo provare a tenerle aperte e anche laddove ci fossero ulteriori limitazioni, più si limitano le attività fuori la scuola più si abbassa il rischio dentro la scuola. Guai a pensare che la scuola non sia attività produttiva e a sacrificarla: è la principessa delle attività produttive, senza formazione non abbiamo futuro”. E’ quanto ha detto a Radio Anch’Io la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

“La scuola è un formidabile strumento di tracciamento. Da metà agosto – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo – abbiamo chiesto test rapidi nelle scuole, che sono fondamentali per velocizzare il tracciamento e scoprire gli asintomatici. Il commissario Arcuri ha comprato 13 milioni di test rapidi, ma è importante velocizzare le procedure per evitare di mandare in quarantena intere classi. Il problema è che si deve stabilire chi deve fare i test rapidi agli studenti e come devono essere fatti. C’è un protocollo fatto dall’Iss insieme al ministero dell’Istruzione e della Salute, all’Inail, ma quel protocollo andava bene prima, ora con le Asl e il Paese non erano in affanno”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA