Torna il delitto d’onore. Sentenza choc a Genova: accoltellò la moglie ma il giudice gli dimezza la pena perché agì in preda a un misto di “rabbia e delusione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La uccise, con diverse coltellate al petto, perché mosso “da un misto di rabbia e di disperazione, profonda delusione e risentimento”. E’ quanto si legge nelle motivazioni della sentenza con cui il tribunale di Genova ha concesso le attenuanti generiche e condannato a 16 anni Javier Napoleon Pareja Gambo, l’operaio ecuadoriano che lo scorso anno uccise, per gelosia, la moglie Jenny Angela Coello Reyes. L’accusa aveva chiesto per l’uomo una condanna a 30 anni.

Secondo il giudice, Pareja Gambo “non ha agito sotto la spinta di un moto di gelosia fine a sé stesso per l’incapacità di accettare che la moglie potesse preferirgli un altro uomo, ma come reazione al comportamento della donna, del tutto incoerente e contraddittorio, che l’ha illuso e disilluso nello stesso tempo”.

“Con questa motivazione è stato riesumato il delitto d’onore”, ha commentato l’avvocato Giuseppe Maria Gallo che assiste i familiari della vittima. “Ormai – ha aggiunto il legale – assistiamo a un orientamento più culturale che giuridico, gli omicidi a sfondo passionale sono inseriti in un circuito di tempesta emotiva”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA