Senza mascherina al chiuso, da quando? Tutte le ipotesi sui luoghi in cui non ci sarà più l’obbligo

Senza mascherina al chiuso, da quando
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Senza mascherina al chiuso, da quando: stando alle ultime notizie, l’obbligatorietà delle misure di protezioni è fissata fino al 30 aprile. Dopo molto dipenderà dall’andamento dei contagi nelle prossime settimane.

Senza mascherina al chiuso, da quando?

Nel pomeriggio di martedì 8 febbraio, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza con la quale ha annunciato la revoca dell’obbligo delle mascherine all’aperto a partire da venerdì 11 febbraio. Mentre almeno fino al 30 aprile, le mascherine sono obbligatorie in tutti i luoghi al chiuso, ad esclusione delle abitazioni private ma con l’eccezione delle scuole, dove sin d’ora è previsto l’obbligo in classe della mascherina chirurgica fino alla fine dell’anno scolastico (inizio giugno).

Per ora le ultime notizie dicono che l’obbligatorietà potrebbe finire a partire del 1° maggio. Tuttavia, l’andamento della pandemia potrebbe far scattare una proroga come affermato dal Ministro della Salute Roberto Speranza: “Valuteremo l’andamento e decideremo”.

Tutte le ipotesi sui luoghi in cui non ci sarà più l’obbligo

C’è da sottolineare che a prescindere le mascherine potrebbero restare obbligatorie in alcuni luoghi al chiuso. Probabilmente chi svolge la propria attività in esercizi aperti al pubblico – come cassieri di supermercati, commessi, impiegati in uffici pubblici che offrono servizi ai cittadini – dovrà indossare la mascherina anche dopo il 30 aprile. L’obbligo potrebbe essere esteso anche ai clienti di tali servizi e attività.

Probabilmente, anche dopo il 30 aprile, rimarrà l’obbligo delle mascherine sui mezzi di trasporto pubblici, ma anche nei cinema, nei teatri e durante i concerti. In tutti questi casi però potrebbe bastare la chirurgica. Infine nei luoghi di lavoro privati, spetterà al datore di lavoro decidere. Per la scuola, si va verso l’obbligo fino a metà giugno, ossia fino alla fine dell’anno scolastico.