Servizio falso a Striscia la Notizia, Fabio e Mingo rischiano un mare di guai. Ora sono indagati per simulazione di reato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Solitamente erano le loro denunce a innescare azioni legali. Questa volta Fabio e Mingo si trovano dall’altra parte. Perché gli ex inviati del tg satirico Striscia la Notizia risultano essere indagati per simulazione di reato in riferimento ad un servizio andato in onda nel 2013 su un presunto falso avvocato. Secondo gli inquirenti si tratterebbe di una vera e propria messa in scena. Che è costata a Fabio e Mingo già il licenziamento dal programma. Con lo stesso reato è indagato anche il presunto falso avvocato protagonista del servizio che sarebbe un attore. Oltre alle due persone che hanno partecipato alla realizzazione del filmato. La Procura, lo scorso mese, ha inviato agli studi Mediaset una richiesta di acquisizione di informazioni. E l’azienda e l’autore del programma, Antonio Ricci hanno presentato due denunce per truffa.

L’ALTRO DUBBIO
Ma c’è anche un altro caso dubbio. Si tratta di un servizio che riguarderebbe una falsa cartomante, anch’esso andato in onda nel 2013. Fabio e Mingo, che si sono già difesi respingendo le accuse e definendosi “sconcertati degli atteggiamenti di una certa stampa”, potrebbero essere interrogati nei prossimi giorni. E hanno già fatto sapere di voler chiarire la vicenda per uscirne al più presto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA