Setola, il falso pentito di Gomorra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Semplicemente inaffidabile. Stiamo parlando del super boss di Gomorra, Giuseppe Setola. Altro che pentito, Setola ha fatto sapere di non voler più collaborare. “Ho detto un sacco di bugie perché volevo avere la libertà. Non sono più un collaboratore”, queste le parole del killer Setola nel corso del processo per l’omicidio dell’imprenditore Domenico Noviello, “Sono stato io a commettere questo omicidio, non c’entrano nulla gli altri e non voglio essere esaminato”. E la giravolta del boss oltre che a far slittare la sentenza del processo (al 19 novembre) non fa altro che accrescere il malumore dei familiari dell’imprenditore ammazzato: “Sono scocciato”, ha detto il figlio dell’imprenditore, “il suo comportamento porta solo rabbia e dolore. L’inattendibilità di Setola si è sempre saputa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA