La Sicilia resta in zona gialla per altri 15 giorni. Il contagio rallenta ma la scorsa settimana sull’isola si sono registrati oltre 6mila nuovi casi

Sicilia Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Viene prorogata per altri 15 giorni la zona gialla in Sicilia. Lo prevede l’ordinanza “Misure urgenti di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria” emessa dal ministero della Salute il 10 settembre scorso e pubblicata sul sito del dicastero (qui il documento). “Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus SARS-Cov-2, fermo restando quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, per la Regione Sicilia l’ordinanza del Ministro della salute 27 agosto 2021, è rinnovata per ulteriori quindici giorni, ferma restando la possibilità di una nuova classificazione”, si legge nell’ordinanza.

Nella settimana appena conclusa i nuovi positivi in Sicilia sono 6.252, il 27,3% in meno rispetto alla settimana precedente, quando già si era registrata una diminuzione del 7,6%. E’ diminuito anche il rapporto fra tamponi positivi e tamponi effettuati, passato dal 6,6% al 4,8%. “Nella settimana appena conclusa – riferisce l’ufficio Statistica del Comune di Palermo – si conferma e rafforza la tendenza al rallentamento della diffusione del Covid-19 in Sicilia, già rilevata la settimana scorsa: sono diminuiti i nuovi positivi, i ricoverati, (ordinari e in terapia intensiva) e i nuovi ingressi in terapia intensiva. Dopo nove settimane è tornato a diminuire anche il numero degli attuali positivi”.

In Sicilia il numero degli attualmente positivi è pari a 26.190, 2.272 in meno rispetto alla settimana precedente. Le persone in isolamento domiciliare sono 25.298, 2.199 in meno rispetto alla settimana precedente. I ricoverati sono 892, di cui 106 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 73 unità (i ricoverati in terapia intensiva sono diminuiti di 14 unità). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 40 nuovi ingressi in terapia intensiva (il 42% in meno rispetto ai 69 della settimana precedente). Il numero di persone decedute registrato nella settimana è pari a 132 (contro le 131 della settimana precedente). A causa di alcuni riconteggi, il numero provvisorio di persone decedute attribuibili alla settimana appena conclusa è però pari a 82.

Complessivamente le persone decedute sono 6.577, e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,3% (come la settimana scorsa). I ricoverati complessivamente rappresentano il 3,4% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,4%).