Sigilli al tesoro dell’ex boss della Magliana Diotallevi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un appartamento di 14 stanze a Fontana di Trevi, conti correnti, società immobiliari, automobili, villaggi vacanze in Sardegna e una villa da sogno. Sembra una storia che non ha fine quella della banda della Magliana. La Guardia di finanza e i Ros hanno sequestrato, ieri, un tesoro da 25 milioni di euro a Ernesto Diotallevi, ritenuto dagli inquirenti uno dei capi storici della banda che ha segnato la storia criminale di Roma e del Lazio. Faccendiere, vicino all’estrema destra, Diotallevi è stato indicato come il collegamento tra la Banda e i siciliani di Cosa Nostra. Il sequestro ha riguardato anche quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di sette società di capitali, attive nel settore della compravendita di immobili, della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, del commercio di energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding impegnate nelle attività gestionali. Coinvolti insieme all’ex boss anche la moglie Carolina Lucarini, i figli Mario e Leonardo e alcuni prestanome.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA