Sigilli al tesoro dell’ex boss della Magliana Diotallevi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un appartamento di 14 stanze a Fontana di Trevi, conti correnti, società immobiliari, automobili, villaggi vacanze in Sardegna e una villa da sogno. Sembra una storia che non ha fine quella della banda della Magliana. La Guardia di finanza e i Ros hanno sequestrato, ieri, un tesoro da 25 milioni di euro a Ernesto Diotallevi, ritenuto dagli inquirenti uno dei capi storici della banda che ha segnato la storia criminale di Roma e del Lazio. Faccendiere, vicino all’estrema destra, Diotallevi è stato indicato come il collegamento tra la Banda e i siciliani di Cosa Nostra. Il sequestro ha riguardato anche quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di sette società di capitali, attive nel settore della compravendita di immobili, della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, del commercio di energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding impegnate nelle attività gestionali. Coinvolti insieme all’ex boss anche la moglie Carolina Lucarini, i figli Mario e Leonardo e alcuni prestanome.