Presto potremmo tornare in discoteca e abbandonare le mascherine. Sileri: “I numeri stanno andando molto bene. Il Green Pass è la via giusta, a oggi l’obbligo vaccinale non è necessario”

PIERPAOLO SILERI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I numeri di queste settimane, dopo le riaperture non solo delle scuole ma di tutte le attività, stanno andando molto bene. E’ chiaro che andando avanti con la vaccinazione, se i numeri dovessero mantenersi così o addirittura abbassarsi, anche le quarantene dovranno essere ridotte per i vaccinati, così come nel tempo abbandoneremo distanza e mascherina”. È quanto ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. “Non significa che abbandoneremo distanza e mascherine domani – ha precisato l’esponente dell’Esecutivo -, ma quando la vaccinazione sarà andata avanti e i numeri saranno ulteriormente migliorati”.

“Con l’introduzione del Green Pass – ha aggiunto Sileri – il freno a mano sulle discoteche può essere tolto. Ma deve essere fatto in sicurezza e aspetterei il controllo dei dati dei primi di ottobre, a seguito delle aperture. Se sono buoni con il Green Pass la discoteca è un luogo sicuro”. Sul tema dell’apertura delle discoteche, ha spiegato il sottosegretario, “non c’è pregiudizio ideologico, ma più complessivo legato al fatto che i controlli della distanza e dell’utilizzo delle mascherine sono più difficili”.

“Stiamo vincendo la battaglia contro il virus – ha detto ancora Sileri intervenendo a Radio Cusano Campus -, trova sempre meno spazio intorno a sé. Al di là delle baggianate che vengono dette sul fatto che tutti i vaccinati possono infettarsi ed infettare, è una baggianata perché è l’eccezione non la regola. Se anche dovesse infettarsi e diventare contagiosa una persona, se intorno a sé ha tutte persone vaccinate è improbabile che possa contagiare gli altri”.

Quanto all’andamento delle vaccinazioni, secondo Sileri “è un successo, ci stiamo avvicinando all’80% stimato per la fine di settembre”. “Dobbiamo arrivare al 90%. Credo che anche l’estensione del Green Pass – ha ribadito – darà un’accelerazione e contestualmente dobbiamo somministrare le terze dosi per i più fragili. Gli altri Paesi guardano all’Italia come modello. Il Green Pass è la via giusta, a oggi l’obbligo vaccinale non è necessario”. Sulla terza dose, “è sicuramente da valutare se farla a tutta la popolazione, servono dati scientifici e arriveranno. Io da medico dico che è verosimile che nel tempo un richiamo dovrà essere fatto a tutti, non so dire quando, ce lo dirà la scienza”.

Leggi anche: È boom di tamponi rapidi. Ma a quasi due mesi dall’introduzione del Green Pass la curva dei nuovi vaccinati è piatta.