Sileri accelera sulla terza dose. Dopo i sanitari è necessario somministrare il richiamo anche a docenti e operatori delle scuole

PIERPAOLO SILERI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“E’ stato fatto per i sanitari e come loro docenti e operatori delle scuole lavorano in ambienti a rischio, a contatto con i giovani che sotto i 12 anni non sono immunizzati in quanto non è ancora disponibile il vaccino per la loro età”. In una intervista al Corriere della Sera, il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, evidenzia la necessità di aggiungere i dipendenti della scuola fra le categorie ad alta priorità per la terza dose di vaccino.

“Sempre rispettando però i sei mesi che devono intercorrere tra la seconda e la terza dose” precisa Sileri. “Non c’è evidenza scientifica che sia necessario anticipare. Teniamo conto che gran parte del personale ha completato il ciclo in estate (il 90% con AstraZeneca) quindi c’è ancora un po’ di tempo. Una decisione non è stata presa, se ne sta discutendo”.

Leggi anche: Disastro AstraZeneca e Johnson & Johnson. La spallata al Covid costa caro. Report inchioda Cts e Regioni sugli Open Day. E accusa anche l’Aifa per aver fornito dati incompleti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA