Silvio in Clinica. Forse salterà la prima seduta al Senato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non lo so, non posso ancora dirlo”. Così il professor Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio Berlusconi che coordina il team di dottori che da venerdì scorso, dopo il suo ricovero al San Raffaele, lo hanno in cura, ha commentato l’ipotesi che il Cavaliere venga dimesso oggi. “Non so – ha aggiunto Zangrillo – se potrà partecipare” alla seduta inaugurale del Senato, prevista per venerdi mattina a Palazzo Madama. Berlusconi è ancora sotto osservazione, in particolare per quanto riguarda i problemi cardiologici. Ieri pomeriggio i suoi medici curanti hanno inviato ai giudici del caso Ruby un nuovo certificato medico, spiegando che per il momento il leader del Pdl deve restare in ospedale perché ha ancora scompensi pressori. Per questo i giudici hanno riconosciuto il legittimo impedimento e deciso di riviare l’udienza a lunedì 18 marzo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA