L’ultima giravolta di Silvio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Silvio Berlusconi, intervistato a Radio Anch’io, così risponde alla domanda se dopo le europee ci sia la possibilità che Forza Italia entri nella maggioranza: “Francamente non so risponderle -dice-, dovremmo guardare a quello che succederà nell’economia e non escludo che per il bene del Paese ci sia la possibilità di stare tutti insieme per prendere delle decisioni”.

“Nella situazione attuale credo che sia un passaggio indispensabile” ha poi detto l’ex premier parlando delle primarie.

“L’idea di uscire dall’euro mi pare avventurosa ma se non dovessimo riuscire a cambiare la politica della Bce e dell’Ue sarà la realtà ad imporre a noi, alla Francia, all’Irlanda e al Portogallo, l’ uscita dall’euro per ritornare alla nostra moneta” ha sottolineato Berlusconi.


Altri passaggi dell’intervista

Economia: “Concordo con l’idea francese di svalutazione del dollaro, va cambiata la politica monetaria con la possibilità per gli Stati di stampare la moneta”.

Marina in politica: “Io da sempre ho lasciato decidere ai miei figli su quello che intendono fare. Io ho sconsigliato a tutti i miei figli che operano in cose che sanno fare benissimo di entrare in una politica come questa in Italia”. “Quanto ad uno dei figli in politica aggiunge: “Non posso proprio dirglielo cercherò di sconsigliarli. A loro è venuta voglia di farlo quando mi hanno visto dare contro ingiustamente, ma aggiungo che il leader li deve accettare il popolo, non si possono tirare su in batteria”.

Riforme: “Noi con chiarezza abbiamo indicato che sarebbe ora di avere un presidente della Repubblica non deciso dai segretari nel chiuso di una stanza ma di avere un Presidente della Repubblica deciso dai cittadini”.

5 Stelle “Grillo credo che sia un grande pericolo perchè ha l’aspirazione di diventare il dittatore di questo Paese”.

Forza Italia:  “Sarebbe un bene se Fi avesse disponibile un leader nuovo che fosse accettato come tale dai nostri elettori e dalla classe media italiana; ad oggi non c’è e non è neppure il fatto dell’ incandidabilità di Berlusconi qualcosa che derivi da Forza Italia”.

Europee: “Si stanno usando i sondaggi per influire in campagna elettorale, non sono conformi al vero quelli che danno Fi sotto al 20%; quelli che ho io mi danno al 21% e sono in crescita”. Lo afferma Silvio Berlusconi a Radio anch’io.

Renzi: “Il problema di Renzi è che ha un deficit di credibilità perché non è stato eletto e questo peserà con gli altri leader europei”. “Se io fossi andato a palazzo Chigi come c’è andato Renzi ci sarebbe stata la rivoluzione”

Appello: “Vi prego: aprite gli occhi e convincetevi e datevi da fare per convincere i delusi e i rassegnato. Non potete disinteressarvi del nostro e vostro comune destino”. “Se i moderati non si rendono contro che non possono più stare alla finestra ma devono occuparsi del voto è chiaro che la battaglia è persa”.