Siniscalco fa salire il conflitto in Assogestioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla fine, complice l’assenza di concorrenti veri e propri, Domenico Siniscalco non dovrebbe avere problemi. E con ogni probabilità oggi (o al massimo nei prossimi giorni) sarà confermato al vertice di Assogestioni, l’associazione che riunisce i fondi e le società di gestione del risparmio. La conferma, però, sembra destinata ad arrivare non senza qualche mugugno. Negli ultimi tempi, per dire, qualcuno è tornato a sottolineare criticamente il ruolo che lo stesso ex ministro dell’economia riveste in Morgan Stanley, la banca d’affari Usa che guida in Italia.

Assogestioni, infatti, come rappresentante dei fondi esprime liste di minoranza in occasione dei rinnovi dei consigli di amministrazione. Attualmente sono in gioco ricambi in Intesa Sanpaolo, Generali, Atlantia e via dicendo. Allo stesso tempo, però, proprio come capo in Italia di Morgan Stanley, di fatto Siniscalco segue diversi casi che rischiano di entrare in conflitto con le esigenze dei fondi rappresentati in qualità di numero uno di Assogetioni. E poi nell’associazione, già sfibrata dalle dimissioni piuttosto polemiche di Guido Giubergia, presidente del comitato governance dell’associazione, qualcuno sottovoce sta ritirando fuori lo scottante contenuto dell’ordinanza Orsi. Parliamo dell’atto con cui il gip di Busto Arsizio ha disposto la custodia cautelare in carcere per l’ex ad di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, nell’ambito dell’inchiesta su presunte tangenti per vendere 12 elicotteri Agusta (gruppo Finmeccanica) in India.

Nell’ordinanza viene riportato il contenuto di un colloquio telefonico tra Orsi e Siniscalco, in cui il primo di fatto chiede al secondo di provare a piazzare in qualche cda il magistrato Manuala Romei Pasetti. In particolare nell’ordinanza si legge: “Orsi chiede a Siniscalco di ricordarsi della signora magistrato per qualche consiglio con le quote rosa, in quanto questa sperava di essere chiamata. Siniscalco dice di essere stato impegnato e di non avere avuto tempo di occuparsi della questione, che comincerà a valutare martedì, quando rientrerà da un viaggio un po’ complicato”. Insomma, un’offerta di disponbilità, quella da parte di Siniscalco, che qualcuno in Assogestioni ha giudicato negativamente.

@SSansonetti

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA