Sinistra in lutto, morto Valentino Parlato. È stato fondatore e direttore del Manifesto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Valentino Parlato, storica voce della sinistra italiana, è morto a 86 anni. Per anni è stato giornalista, impegnato nel Partito comunista italiano. Ma nel 1969 è stato espulso dal Pci ed è diventato uno delle anime dei fondatori de Il Manifesto, di cui è stato a lungo direttore insieme ad altre firme prestigiose, come era nella tradizione del quotidiano comunista.

Di recente Parlato aveva dichiarato il suo “tradimento” alla sinistra: alle Comunali a Roma ha votato Virginia Raggi del Movimento 5 Stelle. Per un intellettuale della sua tradizione, questa decisione è stata incredibile. E impensabile fino a qualche anno prima.

Il sito del giornale ha dato la notizia, aggiungendo: “Per ora ci fermiamo qui, abbracciando forte la sua splendida famiglia e tutti i compagni che, come noi, l’hanno conosciuto e gli hanno voluto bene”. Il leader di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni, ha subito espresso il suo dispiacere personale: “Lo avevo salutato pochi giorni fa ad un nostro convegno su Gramsci. Un grande giornalista, un compagno. Ci mancherà tantissimo. Un abbraccio ai suoi cari, al collettivo del manifesto, a tutti i compagni e le compagne che gli hanno voluto bene”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA