Siria, a Raqqa scoperta una fossa comune scavata sotto un campo di calcio: potrebbe contenere fino a 200 corpi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una fossa comune che potrebbe contenere fino a 200 corpi è stata scoperta a Raqqa, l’ex ‘capitale’ dell’Isis nel nord della Siria. A dirlo è stato un funzionario della città, Abdallah al-Eriane, secondo quanto riportato da Al Arabiya. Secondo al-Eriane, finora – tra civili ed estremisti – sono stati recuperati circa 50 corpi. La fossa era stata scavata sotto un campo di calcio, vicino all’ospedale in cui i combattenti dell’Isis si erano trincerati prima di essere cacciati dalla città nell’ottobre del 2017.

Intanto, dopo giorni di stallo, ieri gli ispettori dell’Opac, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, sono riusciti a visitare uno dei siti di interesse a Douma, non lontano da Damasco, raccogliendo dei campioni da analizzare in connessione con il presunto uso di armi chimiche contro i civili del 7 aprile scorso. Gli ispettori sarebbero dovuti entrare nella città mercoledì, ma la visita era stata ritardata dopo che un team di valutazione dei rischi dell’Onu era stato attaccato a colpi d’arma da fuoco mentre effettuava controlli.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA