Smontata la Fake news del regalo ai Benetton. L’ingresso dello Stato non porta un euro ad Atlantia. Titolo giù del 5,2%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il boom in Borsa di mercoledì, ieri il titolo di Atlantia ha chiuso in calo del 5,2% a 13,73 euro: nella seduta sono passate di mano 7,5 milioni di azioni, contro gli oltre 17 milioni della giornata precedente. I festeggiamenti dei mercati, su cui ha polemizzato Matteo Salvini, paiono volgere al termine. L’ingresso di Cassa depositi e prestiti in Autostrade, da prime stime, costerà allo Stato – attaccano le opposizioni – tra i 3 e i 4 miliardi. Ovvero sarà lo Stato a creare le condizioni perché la famiglia Benetton venga pagata per uscire.

“Ma non è così – replica il ministro degli Esteri Luigi Di Maio – perché l’uscita avviene con aumento di capitale dedicato a Cassa depositi e prestiti. E Cdp mette i soldi in Autostrade, non li dà ad Atlantia. Non compra nulla da Atlantia e allo stesso tempo Autostrade per l’Italia firma un impegno a non distribuire i dividendi. Inoltre la famiglia Benetton dovrà pagare un cospicuo risarcimento, fissato a 3,4 miliardi di euro”.

Difficile pensare poi che venga con tale operazione messo a rischio il capitale di risparmio degli italiani: “Basta guardare l’Ebitda di Aspi degli ultimi dieci anni per rendersi conto che è un po’ complesso pensare di perderci in quel business”, argomenta il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. “Chiariamo che in quest’operazione Atlantia non prenderà un soldo pubblico, non è vero che è un grande affare per i Benetton”, insiste il viceministro al Mise, Stefano Buffagni.

“C’è ancora una trattativa in corso, ci sono dettagli in discussione che fanno molta differenza. Si tratta – spiega – di un’operazione strutturata con un aumento di capitale perché Cdp ha crediti verso Aspi e verso Atlantia, stiamo parlando di miliardi e quindi si fa una trasformazione in capitale”. Poi c’è un aumento di capitale “anche di liquidità per sostenere gli investimenti, poi vendita a istituzionali di una parte della quota, poi si vedrà lo stato di fatto e si procederà con l’uscita progressiva dei Benetton”.

Secondo il sottosegretario al Mit Salvatore Margiotta (Pd) “dire che alla fine pagheranno i contribuenti non mi sembra la giusta interpretazione. In questo caso non vi è stata altra scelta che l’utilizzo di Cdp, non credo vi fosse migliore scelta e non credo proprio che i Benetton ci guadagneranno, tant’è che hanno provato fino all’ultimo a non accettare i termini dell’accordo e ora non mi sembra siano contenti”. In ballo ancora la definizione del valore di Aspi (che oscilla tra i 6 e i 10 miliardi e da cui dipende il valore dell’aumento di capitale di Cdp). A.A.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA