Spesa pubblica fuori controllo. I dipendenti regionali sono un vero carrozzone. Un impiegato della Regione costa in media 54mila euro l’anno. Uno del Comune solo 37mila

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I costi mastodontici delle Regioni italiane passano anche per il costo abnorme dei dipendenti. Il costo medio di un dipendente regionale è di 54 mila euro, mentre quello di un dipendente comunale ammonta a 37 mila euro. Il costo di un dipendente ministeriale è invece di 44 mila euro e, infine, un dipendente provinciale costa mediamente 41 mila euro. Il calcolo è stato fatto dall’Istituto per la finanza e l’economia locale dell’Anci (Ifel) e i dati vengono fuori dalla ristrutturazione della spesa per il personale operata dai Comuni alle prese con i tagli della spending review.

IL SALASSO
Secondo l’Ifel la spending review imposta ai Comuni ha avuto effetti deleteri come il taglio alla spesa per gli investimenti di oltre il 23%. Andando a ricadere sui cittadino attraverso il taglio di spese essenziali. Ma tagli hanno interessato anche la spesa per il personale che è stato ridotto all’osso, con ben 53 mila unità in meno che corrisponde a un -11,1%.

I VERI SACRIFICATI
L’analisi Ifel dimostra che sono i Comuni ad aver pagato veramente gli effetti della spending review. Non le Regioni dove i tagli sarebbero stati soltanto marginali. I dati aggregati evidenziano che tra il 2011 e 2015 i tagli ai Comuni sono ammontati a 12,3 miliardi di euro, il 19,7% della spesa corrente primaria del comparto nell’anno 2010. A valori costanti (2010), infatti, secondo l’analisi effettuata, la spesa totale dei Comuni, al netto degli interessi, scende di 15 punti, mentre la spesa della Pubblica amministrazione soltanto di 5 punti. Una disparità senza precedenti.