Statuto e Carta dei valori: il M5S c’è quasi. Fra pochi giorni la presentazione alla base. Poi il voto su Skyvote per eleggere il capo politico

M5S Conte Grillo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ormai siamo in dirittura d’arrivo: Giuseppe Conte è alle battute finali nella definizione di quello che sarà il nuovo corso del M5S. Statuto e Carta Valori quasi ultimati (leggi l’articolo), dunque, e verranno presentati al “popolo” 5 Stelle forse già la prossima settimana. Nessun evento in piazza, però, come era inizialmente trapelato, ma in un luogo al chiuso dove interverrà anche il Garante Beppe Grillo che, come hanno chiarito fonti vicine all’ex premier, ha dato il suo contributo per limare gli ultimi dettagli dello Statuto in un “clima di estrema collaborazione” dopo le polemiche degli scorsi giorni sul ‘ridimensionamento’ del ruolo del Garante nei nuovi assetti politici.

Fonti del M5s garantiscono che non ci saranno variazioni rispetto al vecchio Statuto su questo punto, del resto sulla figura del Garante non vi erano state modifiche neppure nella formula statuaria uscita dagli Stati Generali M5s dello scorso novembre, che avevano modificato la struttura della leadership: la linea politica non rientra infatti tra i compiti affidati al Garante e non lo è mai stata, se non per il riferimento al fatto che “Il Garante è il custode dei valori fondamentali dell’azione politica dell’Associazione M5s”.

In ogni caso il fondatore è atteso nella Capitale nei prossimi giorni, anche per un probabile incontro con i gruppi parlamentari, sempre più in fibrillazione anche per la questione, al momento non definita, del finanziamento del nuovo M5S targato Conte. Questione peraltro affrontata nell’ultima assemblea da remoto con il reggente Vito Crimi che ha sollecitato ancora una volta i deputati e i senatori a provvedere al versamento di mille euro a testa sul nuovo conto corrente intestato al Movimento, visto che ben pochi finora hanno dato il loro contributo.

Questione, questa, che si intreccia con il nodo dei debiti nei confronti dell’Associazione Rousseau di Davide Casaleggio il quale, peraltro ieri è tornato a polemizzare coi vertici del M5S asserendo che “nell’ultimo anno ci sono stati diversi tradimenti di principi e regole che erano condivise da tutta la comunità”. Anche Alessandro Di Battista, da parte sua, non sembra cedere alle lusinghe del M5s a guida Conte e afferma, ospite a Sky Tg24 di non essere interessato “Né alle poltrone né alle candidature” ma potrebbe convincersi ad aderire al progetto solo grazie a “Una linea politica chiara, con proposte intransigenti”.

L’ex parlamentare affonda M5S poi il colpo sostenendo che lui non ha tradito la sua coscienza mentre “Il M5s ha fatto un’operazione di maquillage con la quale si tenta di nascondere la scelta scellerata di sostenere il governo Draghi”. Ma del resto non è certo la prima volta che si esprime in questi termini, le differenti vedute riguardano, ad esempio, anche la questione del limite del secondo mandato. Del quale però, lo stesso Conte, nel corso della sua missione a Napoli di qualche giorno fa a sostegno del candidato sindaco Gaetano Manfredi, ha fatto capire chiaramente che si occuperà al momento opportuno.

Step by step, dunque, anche perché il cammino è ancora abbastanza lungo: dal giorno in cui il leader in pectore presenterà il nuovo Statuto, dovranno trascorrere quindici giorni prima del voto sulla nuova piattaforma Skyvote e solo successivamente seguirà quello per l’investitura del nuovo capo politico.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA