Strage di Capaci, spunta un nuovo pentito. Si tratta del pescatore che aiutò i mafiosi a recuperare l’esplosivo della II guerra mondiale in fondo al mare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuovi particolari interessanti sulla strage di Capaci potrebbero venire presto grazie alla testimonianza di Cosimo D’Amato. Il pescatore, già condannato per la strage a 30 anni con rito abbreviato, ha deciso di collaborare per fare luce sulla morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e di tre agenti della Polizia di Stato. D’Amato avrebbe avuto un ruolo strategico nel recuperere, in fondo al mare, l’esplosivo della seconda guerra mondiale.  Alla sbarra, accusati di strage, ci sono Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello. Il processo d’Appello in abbreviato, che vede imputati anche Giuseppe Barranca e Cristofaro Cannella, condannati all’ergastolo in primo grado, inizierà il prossimo 14 ottobre a Caltanissetta. L’ex poliziotto Giovanni Aiello, che secondo gli inquirenti e alcuni collaboratori di giustizia avrebbe ricoperto un ruolo nell’ambito delle stragi in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA