Strane scommesse in Ciociaria. Boom di puntate sull’espulsione di un calciatore del Frosinone. Il rosso a Gori è arrivato ben presto nel corso del primo tempo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quell’espulsione al 13′ del primo tempo nella partita tra Napoli e Frosinone è sembrata a tutti molto strana. Basta riascoltare anche l’audio degli increduli commentatori. A essere espulso Mirko Gori del club ciociaro. Un rosso non dovuto certo al fallo, ma da quanto si è venuto a sapere fin ora il difensore del Frosinone avrebbe insultato pesantemente il direttore di gara che lo ha espulso subito dopo. Fin qui niente di strano (educazione a parte) se non fosse per il fatto che dalla Intralot hanno segnalato un flusso anomalo di scommesse in un punto vendita di Frosinone su un’espulsione nel corso della gara. Un caso finito, a quanto pare, dalle parti dei Monopoli di Stato. “Erano state piazzate giocate in modalità sistema integrale (complessivamente 32 sistemi), con una fissa (espulsione si/no di Frosinone-Napoli, ESITO SI) e 3 partite (sempre diverse) dove appunto c’è 1 e X2 della medesima partita. Il sistema quindi– si legge- si sviluppa in 4ine dove solo una combinazione è vincente e per un importo sempre inferiore ai 1.000 euro. I quotisti hanno chiuso immediatamente quel tipo di scommessa e prontamente hanno avvertito attraverso una relazione l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Al momento la refertazione dell’esito Espulsione SI/No è stata bloccata, pertanto i biglietti sono in stato di appeso”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA