Troppi studenti in quarantena. In dodici giorni oltre 17mila nuovi casi tra gli under 19. Gimbe: “L’obiettivo presenza al 100% è a rischio. Mancano interventi su aerazione, ventilazione e trasporti”

Gimbe scuola Cartabellotta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’obiettivo del governo di garantire la scuola in presenza al 100% rischia di essere fortemente disatteso come dimostra il numero di classi e studenti già in quarantena. E’ una strategia molto rischiosa puntare esclusivamente sulla vaccinazione senza screening sistematici e interventi di sistema su aerazione, ventilazione e gestione trasporti”. E’ quanto ha detto il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta (nella foto) partecipando ad un evento promosso da Cittadinanzattiva.

“Le evidenze scientifiche dimostrano che per minimizzare il rischio della circolazione virale nelle scuole – ha aggiunto il presidente di Gimbe – è necessario attuare tutti gli interventi di prevenzione, ma i vaccini per gli under 12 anni non sono disponibili, per gli over 12 anni la copertura ha nette differenze regionali. Le mascherine si usano solo dalla scuola elementare in poi, manca uno screening sistematico e il distanziamento è subordinato agli aspetti logistici mentre mancano interventi strutturali, nelle scuole, su aerazione, ventilazione e trasporti”.

Di qui l’osservazione della Fondazione Gimbe che ricorda di aver già rilevato che era una strategia “molto rischiosa puntare esclusivamente sulla vaccinazione del personale scolastico e degli studenti over 12” e che fa temere agli esperti della Fondazione che l’obiettivo del 100% di scuola in presenza sia a rischio.

Nella popolazione tra 0 e 19 anni tra il 30 agosto e il 12 settembre sono stati registrati 17.312 nuovi casi di Covid, 190 persone sono state ospedalizzate, 2 ricoverate in terapia intensiva, non si registrano decessi. Nella stessa fascia di età, tra il 16 e il 29 agosto, dunque quando le scuole non erano iniziate, i nuovi casi erano stati 22.843 con 297 ospedalizzazioni 4 ricoverati in terapia intensiva, 0 i decessi. Cartabellotta ha evidenziato che scendono i contagi soprattutto nella fascia 12-19 anni mentre sono aumentate le ospedalizzazioni dei bambini al di sotto dei 3 anni.

I test salivari sono il futuro per la facilità dell’uso “ma i pochi studi compiti su essi mostrano che la possibilità di scoprire i positivi siano tra il 53 e il 73%. Sono necessari altri studi, anche per standardizzare il metodo di raccolta del campione”. Il 32,3% degli studenti nella popolazione 12-19 anni non ha ricevuto nessuna dose, spiccano i giovani della Provincia autonoma di Bolzano, della Valle d’Aosta (40,4%) e della Liguria (40%). I giovani più vaccinati sono quelli della Puglia (25%), della Lombardia (24%) e della Sardegna, questi ultimi sono i più vaccinati di tutti, solo il 24,2% non è vaccinato. Nella fascia di età 12-19 anni il 52,1% pari a 2.374.04, ha fatto il ciclo completo di vaccinazioni, il 15,6% pari a 712.088 ha fatto la prima dose e il 32,3% pari a 1.470.788 nessuna dose.

E’ del 6,1 la percentuale del personale scolastico che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino mentre in 7 regioni – Lazio, Friuli Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Campania, Toscana e Calabria – il 100% del personale risulta aver concluso la vaccinazione. Tra i non vaccinati, spicca il personale di Bolzano, con il 21,2% segue Trento con il 18%, poi Valle d’Aosta, Piemonte, Sicilia, Basilicata con il 10,9% di non vaccinati, Lombardia (10,5%), Umbria, Liguria, Puglia, Sardegna con il 5%, Emilia Romagna, Veneto e infine le Marche con il 3%.