Su La Notizia dell’1 marzo. Un altro malato va a morire in Svizzera e una coppia gay compra i figli in Usa: sui diritti l’Italia è un far west. Le aziende pubbliche che finanziano la fondazione Clinton, così gentile da ospitare Renzi. Altro che petrolio italiano, il turismo è un buco nero di investimenti sbagliati. Sconosciuti o irraggiungibili: che spreco gli oltr 200 siti del Governo. Il G7 è una Taor-mina: spese pazze ma il rischio è quello di un flop

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ecco i principali articoli che trovate su La Notizia di oggi, mercoledì 1 marzo, in edicola, e disponibile anche presso i tabaccai di Roma:

  • Le aziende pubbliche che finanziano la fondazione Clinton, così gentile da ospitare Renzi – S. Sansonetti
  • L’ex premier è sempre più solo: anche i ministri cercano nuove strade – P. Alagia
  • Un altro malato va a morire in Svizzera e una coppia gay compra i figli in Usa: sui diritti l’Italia p un far west – M. Fontana
  • Tutti gli uomini di Emiliano: ecco chi sostiene il governatore della Puglia al congresso del Pd – G. Velardi
  • Altro che petrolio italiano, il turismo è un buco nero di investimenti sbagliati – S. Iannaccone
  • Sconosciuti o irraggiungibili: che spreco gli oltr 200 siti del Governo – S. Iannaccone
  • Abu Omar, tutto perdonato. L’ex agente Cia riceve la grazia parziale di Mattarella – S. De Santis
  • Il G7 è una Taor-mina vagante: spese pazze ma il rischio è quello di un flop – C. Gazzanni
  • Altro che guai risolti: ecco i problemi dei municipi di Roma – B. Scibetta
  • Discarica Italia: dalla Lombardia alla Sicilia, quante terre dei fuochi – A. Di Lella C. Gazzanni
  • C’è poco da scherzare: l’industria del Carnevale tira – F. Giugni
  • Più attenzione al cittadino: così i tabaccai battono la crisi – S. Patti
  • Rai: tagli indigenti alla Maggioni, per la presidente è una partita politica – L. Mazzei

POTETE LEGGERE QUI IL GIORNALE NELLA NOSTRA EDICOLA DIGITALE

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA