Sugli sfratti da Salvini solo parole e zero fatti. La lista di 23 edifici da liberare redatta un anno fa è rimasta inattuata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per qualcuno con l’avvicendamento al Viminale tra Matteo Salvini e Luciana Lamorgese (nella foto), la stagione degli sgomberi si sarebbe arenata prima ancora di cominciare. Niente di più sbagliato come dimostra il provvedimento di ieri a carico di Casapound (leggi articolo a pagina 3) che, al contrario, sembra segnare più che altro un mutato atteggiamento verso il problema dell’abusivismo e un cambio degli edifici da sgomberare in via prioritaria. Del resto non è che si sia fatto granché quando al ministero c’era il Capitano. Anzi l’unico atto concreto è stata la lista di 23 immobili della Capitale redatta dal Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica e messa nero su bianco dalla Prefettura.

Un vero e proprio piano, con partenza da fine 2019, in cui si sarebbe dovuto procedere con quattro interventi ogni anno e che aveva nel mirino soprattutto le sedi di noti centri sociali romani, come Strikers, Spazio 32 e Acrobax, ma anche la Casa delle donne Lucha Y Siesta, il palazzo dell’Ex Enasarco di via Mattia Battistini, la B.A.M di via dei Castani, la sede dell’associazione Ex Lavanderia. Un lungo elenco in cui, a mancare, era proprio l’edificio occupato da Casapound. Peccato che il documento sia rimasto lettera morta tanto che nel 2019 non si è riusciti a centrare gli unici due obiettivi previsti ossia lo sgombero del palazzo di viale Caravaggio a Tor Marancia, occupato da 12 anni, e l’ex sede della Asl Roma C in via Antonio Tempesta, a Torpignattara, abitato da una sessantina di famiglie, causando uno slittamento di tutte le operazioni.

A marzo di quest’anno sarebbe dovuto toccare all’immobile in viale delle Province 196/198 occupato dal 6 dicembre 2012 e dopo, a cascata, al palazzo in via Prenestina 944, uno in via Collatina 385 e, entro fine anno, a quello di via Umberto Partini 21. Nel 2021 sarebbe stata la volta dell’immobile di via Tiburtina 1099, di quello in via Roccagiovine 267, di uno in Piazza dei Sanniti 9/a e di un altro in via del Policlinico 137. Secondo il programma gli sgomberi sarebbero dovuti andare avanti con ’immobile di via Mattia Battistini 113/117 di proprietà Enasarco, di uno in via dei Castani 42-44-46, un altro in via Tiburtina 1064 e dell’ex cinodromo in via della Vasca Navale 6 di proprietà Comune. Un elenco che prosegue con altri 9 edifici tra cui quello di Corso d’Italia 108 di proprietà INPS ex INPDAP e occupato dal 2007.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA