Sul clima politiche disastrose. La catastrofe è assicurata

C'è un netto divario tra quello che i governi hanno promesso di fare per proteggere il clima e le misure realmente adottate.

Le politiche in atto per affrontare la crisi climatica in tutto il mondo porteranno a una “catastrofe” perché i governi non sono riusciti a mantenere le proprie promesse. L’hanno scritto in una lettera Michael Zammit Cutajar, Yvo de Boer e Christiana Figueres, i tre ex direttori della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. I tre avvisano che c’è un netto divario tra quello che i governi hanno promesso di fare per proteggere il clima e le misure realmente adottate per provare a raggiungere gli obiettivi.

Sul clima politiche disastrose. La catastrofe è assicurata

C’è un netto divario tra quello che i governi hanno promesso di fare per proteggere il clima e le misure realmente adottate

Cutajar, de Boer e Figueres spiegano che le politiche in atto porterebbero a aumenti di temperatura di almeno 2,7°, ben sopra al 1,5° stabilito nell’ultimo vertice Cop26 dello scorso novembre. “Nell’accordo di Parigi del 2015, – scrivono i tre – tutti i governi hanno concordato di “perseguire gli sforzi” per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C (2,7 ° F). Abbiamo ora il diritto di chiederci dove sono arrivati i loro sforzi, dove stanno andando e quanto sono genuini.

La scienza dimostra che l’azione di questo decennio per ridurre tutti i gas serra è fondamentale”. Cutajar, de Boer e Figueres fanno riferimento ai risultati dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, pubblicato all’inizio di quest’anno, descritto come un “atlante di sofferenza” che ha mostrato la diffusa devastazione che probabilmente ne deriverà se non riusciamo ad affrontare urgentemente le emissioni di gas serra.

“La miriade di segnalazioni di condizioni meteorologiche estreme a cui abbiamo assistito nel 2022 suggeriscono che non c’è tempo da perdere”, scrivono. “L’ulteriore cambiamento climatico progredisce, più blocchiamo un futuro con raccolti più rovinati e più insicurezza alimentare, insieme a una serie di altri problemi tra cui l’innalzamento del livello del mare, le minacce alla sicurezza idrica, la siccità e la desertificazione. I governi devono agire contro il cambiamento climatico affrontando anche altre crisi urgenti”.

I tre definiscono “deludenti” le azioni dei paesi sviluppati, nella loro incapacità di ridurre le emissioni abbastanza velocemente e nel non mettere a disposizione finanziamenti ai paesi più poveri per aiutarli a far fronte agli impatti della disgregazione climatica, aggiungono. A giugno saranno 50 anni dalla conferenza di Stoccolma, quando i rappresentanti di tutto il mondo hanno deciso per la prima volta che lo stato globale dell’ambiente fosse motivo di preoccupazione e che fosse necessaria un’azione internazionale concertata per risolvere problemi come l’inquinamento, la perdita di specie, il degrado del suolo e l’esaurimento delle risorse.

L’anniversario dovrebbe spingere i governi a rinnovare la loro determinazione, nonostante la geopolitica “gelosa”, prima che sia troppo tardi, scrivono gli ex funzionari delle Nazioni Unite. “Mentre ricordiamo la conferenza di Stoccolma – scrivono -, dobbiamo vedere i leader mantenere le loro promesse sui cambiamenti climatici, nell’interesse delle persone, della prosperità e del pianeta”. Secondo i tre gli alti prezzi dell’energie e l’aumento dei prezzi degli alimenti sono un’occasione per uno scatto verso l’energia pulita, in questo momento economicamente competitiva. “Molte aziende l’hanno già capito – scrivono – ma molti governi ancora no”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 09:06
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram