Sull’aborto la Lega getta la maschera. Per il senatore Pillon la legge 194 è sbagliata e bisogna ispirarsi a quella fatta da Orbán

Sull'aborto la Lega getta la maschera. Per il senatore PIllon la legge 194 è sbagliata e bisogna ispirarsi a quella fatta da Orbàn

Sull’aborto la Lega getta la maschera. “La legge 194 è una legge sbagliata perché non tiene conto della vita umana che c’è nel grembo della donna. La nuova legge ungherese (del premier Viktor Orbán, ndr)? Rimette finalmente al centro l’essere umano”. Lo ha dichiarato a Radio Popolare il senatore della Lega Simone Pillon.

X CONGRESSO AMI ASSOCIAZIONE AVVOCATI MATRIMONIALISTI

“Io non so se una legge come quella ungherese verrà proposta in Italia. So però che il dibattito sull’aborto ha un grosso deficit di conoscenza. Non dovremmo discutere se l’aborto è lecito. Dovremmo invece discutere se la persona che sta nel grembo di sua madre è un essere umano oppure no” spiega il leghista.

“Nel momento in cui noi diamo una risposta sensata e scientificamente sostenibile a questa domanda – prosegue Pillon – poi le conseguenze vengono da sole. Credo che il senso della legge ungherese sia proprio quello di riportare l’attenzione non sull’aborto in sé quanto sull’esistenza di un essere umano: lì c’è un essere umano”.

Sull’aborto la Lega getta la maschera

“Nessun pretende di dire visto che c’è un essere umano allora chi se ne frega delle condizioni della madre, certo che no. Perché è chiaro che la salute e il benessere della madre non possono essere separati da quelli del suo bambino. Questo tema però va finalmente affrontato con maturità e con lealtà” insiste Pillon.

“Invece si fa finta di dire che là non c’è niente, che ci sia solo un grumo di cellule, quando in realtà c’è un essere umano. Dobbiamo mettere sulla bilancia i diritti di tutti e due, della mamma e del suo bambino. Io sono convinto – conclude Pillon – che la 194 sia una legge sbagliata che non tiene conto del fatto che c’è una vita umana che va tutelata almeno quanto un’altra vita umana”.

Leggi anche: Dopo la Lega, anche Fratelli d’Italia mette l’aborto nel mirino. Roccella: “L’interruzione di gravidanza non è un diritto”

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:09
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram