Taglio dei parlamentari e legge elettorale, Di Maio: “Il 20 e il 21 settembre possiamo cambiare la storia. C’è un accordo tra le forze di maggioranza e va rispettato”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il taglio dei parlamentari è uno di quei momenti che difficilmente dimenticherò. Si tratta di una delle tante promesse mantenute dal MoVimento. Il 20 e il 21 settembre si voterà anche il referendum sul taglio dei parlamentari, una riforma che ho fortemente voluto e per cui sono stato attaccato in ogni modo. Raccontavano che sarebbe caduto il governo. Hanno fatto terrorismo psicologico in ogni sede. Ma non abbiamo mai mollato”. E0 quanto scrive su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

“E il 20 e il 21 – aggiunge l’esponente pentastellato – voteremo per ridurre i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200, con grandi risparmi per le casse dello Stato e dei cittadini. Il 20 e il 21 settembre possiamo cambiare la storia e riportare l’Italia ad essere un Paese normale. Ovviamente il taglio dei parlamentari dovrà essere accompagnato da una nuova legge elettorale che sia rappresentativa al massimo”.

“C’è un accordo tra le forze politiche di maggioranza e va rispettato. Bisogna dimostrare serietà. Dopo la pandemia – ha concluso Di Maio – stiamo affrontando una crisi economica senza precedenti. È il momento di guardarci negli occhi e fare la cosa giusta. Il MoVimento c’è, c’è sempre stato. E ci sarà sempre, per l’Italia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA